• +39 051 0472271
  • info@ap-engineering.it
In Ultime News

Droni, cosa prevede il nuovo Regolamento Europeo

Con l’approvazione da parte della Commissione Europea – in accordo con l’European Aviation Safety Agency (EASA) – si delinea quello che sarà il prossimo regolamento europeo per i droni.
La pubblicazione delle nuove norme sulla Gazzetta Ufficiale Europea avverrà probabilmente entro giugno, dodici mesi dopo diventerà applicabile in tutta l’Unione.

Con il nuovo Regolamento entra nel mondo dei droni il concetto di marcatura CE e cade la distinzione tra i droni professionali e ludici a favore di una nuova differenziazione.
I veivoli verranno infatti catalogati esclusivamente in base a tre categorie: open, specific e certified.
Nella prima, Open, saranno compresi tutti gli attuali droni consumer con peso entro i 25 kg. Essi presentano il livello di rischio più basso e svolgono tre tipi di operazioni: volo sopra le persone , vicino alle persone e lontano dalle persone.
Le nuove normative imporranno un particolare marchio CE per questa specifica categoria, la quale stabilirà la categoria dei droni e, quindi, come potranno essere usati.
La categoria Specific include i velivoli di media grandezza, che possono volare anche al di fuori del campo visivo del pilota e che svolgono tipologie di operazioni diverse da quelle previste per la Open. Le certificazioni richieste per far volare il proprio drone dipenderanno dal livello di rischio della specifica missione.
Infine, nella categoria Certified, sono compresi droni che trasportano persone o merci pericolose e quelli che svolgono operazioni in contesti affollati (ad esempio riprese aree durante gare sportive, concerti etc.). In questo caso saranno necessarie specifiche certificazioni per il drone e l’operatore.

A partire dal 2023 perciò nessun drone potrà essere venduto in Europa senza marchio CE. Sarà quindi dovere del fabbricante attestare la conformità del suo prodotto ai requisiti essenziali di sicurezza previsti da una o anche più Direttive comunitarie ad esso applicabili. La marcatura CE e l’etichetta identificativa della classe saranno apposte in modo visibile e leggibile sull’imballaggio e sul manuale d’uso.
Proprio quest’ultimo aspetto ha sollevato numerose perplessità, poiché vi è il rischio che chi si accinge adesso ad acquistare un drone che rientra nella categoria open tra tre anni non possa più utilizzarlo.

Contattaci per saperne di più.